Specialista in Angiologia Medica - Esami Doppler - Ecografie Vascolari
twitter  youtube  linkedin  facebook 
Vinaora Nivo Slider 3.x
Newsletter
Resta sempre aggiornato su notizie
scientifiche, iniziative e consigli.
ISCRIVITI
 
Prima Visita
Per una prima visita, un chack up
angiologico o un esame specifico
RICHIEDI
 
FAQ
Vuoi avere delle prime risposte
o toglierti dei dubbi.
CONSULTA

Prendiamoci cura delle nostre vene

La prevenzione intesa come insieme di sane abitudini di vita è dimostrato che riduce la possibilità di comparsa di certe malattie, aiuta la rimissione e contribuisce al rallentamento delle malattie a decorso cronico.
Di seguito riportiamo una serie di ottime abitudini di stile di vita che oltre ad essere consigliate per la prevenzione delle patologie angiologiche, risultano altrettanto utili per la prevenzione di tante altre patologie in generale.

-----------------------------------------------
ABBIGLIAMENTO
-----------------------------------------------
ALIMENTAZIONE
-----------------------------------------------
CALORE
-----------------------------------------------
CAMMINARE
-----------------------------------------------
CURA DELLA PELLE

-----------------------------------------------
DORMIRE
-----------------------------------------------
ESERCIZI PER LE GAMBE
-----------------------------------------------
SEDENTARIETA'
-----------------------------------------------

ABBIGLIAMENTO
Abiti - Preferire abiti comodi, leggeri e freschi, evitare tutti gli indumenti troppo aderenti e quegli indumenti che hanno elastici in grado di ostruire la crcolazione.
Calzature - Particolare attenzione va posta nell'uso delle calzature; evitare di calzare per troppo tempo scarpe con tacco troppo alto o troppo basso a punta o troppo strette; La scarpa ideale dovrebbe essere a pianta larga e comoda con un tacco di 5 cm, questo tacco è in grado di favorire il circolo venoso. Sconsigliato portare stivali per molte ore in quanto tendono a costringere e scaldare piedi e gambe. Per i materiali preferire i materiali a quelli sintetici.

ALIMENTAZIONE
Evitare di sovralimentarsi o di alimentarsi con cibi particolarmenti grassi e calorici. Il mantenimento di un peso ideale rispetto alla propria costituzione fisica è la prima regola da seguire. 
Cosa evitare:

  • Il sovrappeso e l'obesità, favoriscono l'insorgenza di molte patologie venose.
  • L'abuso di alcolici, produce vasodilatazione periferica
  • Pasti privi di fibre, onde evitare la comparsa di stipsi che induce il peggioramento di emorroidi e varici.
  • L'uso del sale onde favorire la ritenzione idrica.

Cosa fare:
Consumare i frutti e le verdure rosse aiutano a prevenire e alleviano i sintomi delle patologie cardiocircolatorie, l'uso è vivamente consigliato.
Bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno, naturale azione drenante.

CALORE
Il calore è nemico delle vene.
Si consiglia pertanto di evitare o moderare le seguenti abitudini o situazioni come:

  • lunghe esposizione a fonti di calore come i raggi solari
  • bagni e pediluvi in acqua molto calda
  • cerette a caldo e borse dell'acqua calda
  • esposizione ravvicinata a fonti di calore come termosifoni camini stufe e dispositivi
  • percorsi spa come bagni turchi, fanghi caldi, sabbiature e saune

Si consiglia, quando possibile di fare alle gambe una docce di acqua fredda, tonifica, rigenera e stimola il ricircolo.
Nella stagione estiva se si va al mare si consiglia di non esporsi al sole tra le 12:00 e le 16:00 e comunque di usare una protezione solare alta e di bagnarsi spesso per tenere le gambe fresche.

CAMMINARE
Le vostre gambe per restare in salute hanno bisogno di movimento. Tenete le gambe ferme il meno possibile !
Camminare almeno 30 minuti al giorno a passo sostenuto in alternativa 3 volte a settimana per almeno un ora.
Se possibile sfruttate ogni occasione per muovervi, preferite le scale all'ascensore, preferire la camminata o la bicicletta ai mezzi motorizzati.
Il movimento degli arti inferiori oltre a tonificare i muscoli favorisce il ritorno del sangue venoso verso il cuore.
Al mare, nelle ore meno calde si consigliano lunghe passeggiate in acqua.

CURA DELLA PELLE
Tenere la pelle sempre pulita ed idratata.

DORMIRE
Il consiglio è di posizionare qualcosa sotto al materasso nella parte finale un supporto in modo che una volta sdraiati la posizione delle gambe risulterà leggermente più alta rispetto alla testa.

ESERCIZI PER LE GAMBE
Solo 5 minuti al giorno, per prendersi cura delle proprie gambe. Scarica e stampa il pdf.

esercizio-gambe-1   Esercizio N° 1 -  Tacco Punta
Sollevarsi alternativamente sulle punte dei piedi.
Durata 30 secondi.
     
esercizio-gambe-2   Esercizio N° 2 - Con la Sedia
Dopo aver poggiato le mani sulla spalliera di una sedia, sollevarsi alternativamente sulla punrta di un piede gettando l'altra gamba all'indietro.
Durata: 10 movimenti per gamba.
     
esercizio-gambe-3   Esercizio N° 3 - Flessioni
Stando in posizione eretta a piedi uniti e con le braccia tese in avanti, flettere le ginocchia .
Durata: ripetere per 10 volte.
     
esercizio-gambe-4   Esercizio N° 4 - Seduti
Stando seduti porre le gambe con le ginocchia leggermente flesse su di un appoggio a superficie morbida e:
- facendo ruotare i piedi verso l'esterno o l'interno tracciare con gli alluci dei cerchi - Durata: 30 secondi.
- contrarre e distendere le dita. - Durata: 30 secondi.
     
esercizio-gambe-5   Esercizio N° 5 - Bicicletta
Stando distesi sul dorso puntellandosi con le braccia, sollevare le gambe e successiva mente eseguire il movimento della bicicletta.
Durata: 10 movimenti.
     
esercizio-gambe-6

 

Esercizio N° 6- Flessione e Estensione
Stando distesi sul dorso puntellandosi con le braccia, sollevare le gambe in posizione verticale e successivamente eseguire movimenti di flessione e di estensione delle gambe.
Durata: 10 movimenti di flessone.

SEDENTARIETA'
Stare troppo tempo fermi sia in piedi che seduti non fà bene e soprattutto non fà bene alle vostre gambe !
Chi è costretto a passare molto tempo in posizone seduta dovrebbe ogni tanto alzarsi e fare due passi per riattivare la circolazione, inoltre, da seduti si può fare un facile ed utile esercizio alternando velocemente  tacco e punta di ogni piede, poi, evitare assolutamente di accavallare le gambe.
A chi invece passa molto tempo in piedi si consiglia di stare fermi il meno possibile,  di sollevarsi spesso sulle punte dei piedi e di spostare il peso corporeo in modo alterno su una e sull'altra gamba, queste piccole accortezze faciliteranno il ritorno venoso.