Specialista in Angiologia Medica - Esami Doppler - Ecografie Vascolari
twitter  youtube  linkedin  facebook 
Vinaora Nivo Slider 3.x

<< Torna alla pagina precedente

 

Lo studio con esame ecocolordoppler della circolazione arteriosa e venosa è diventato ormai routine della pratica clinica angiologia e rappresenta oggi l’indagine di primo livello per lo studio della patologia vascolare arteriosa e venosa.

esame-carotide
L’esame è allo stesso tempo un’ecografia che consente di vedere la struttura dei tessuti e quindi le pareti dei vasi e un esame doppler che consente di studiare la velocità di circolo del sangue all’interno del vaso e la sua direzione e, tramite un’elaborazione computerizzata, ne rappresenta il flusso all’interno del vaso con una codifica a colori.  

Lo studio dei tronchi sopraortici comprende l’esame delle carotidi comuni, delle carotidi esterne ed interne, delle arterie vertebrali e succlavie. Consente di misurare lo spessore medio intimale della parete arteriosa che si considera patologico oltre 1 mm e significativamente a rischio di formazione di placche ateromatose oltre i 1,3 millimetri.
Questo valore si misura sulla carotide comune di ambedue i lati. 

ecocolordoppler-roma-prati


Permette inoltre di valutare la presenza di placche aterosclerotiche, la loro struttura le loro dimensioni e la percentuale di stenosi del vaso. Inoltre, essendo un esame del tutto non invasivo viene usato per monitorare nel tempo l’evoluzione delle placche e l’efficacia delle terapie effettuate.

Lo studio delle arterie vertebrali è utile nelle sindromi vertiginose per escludere una origine vascolare diretta per riduzione evidente del flusso o indiretta per compressione estrinseca dinamica delle suddette arterie nel collo con le rotazioni del capo.
Infine l’esame viene di solito completato con lo studio delle arterie succlavie che se ostruite o fortemente stenotiche determinano la cosiddetta “sindrome del furto succlavio” in cui il sangue arterioso viene sottratto al circolo cerebrale invertendo la direzione nelle arterie vertebrali per  andare a  rivascolarizzare l’arteria succlavia ostruita o stenotica e rifornire così di sangue arterioso l’arto superiore.


<< Torna alla pagina precedente

 

Richiedi la prima visita Compila il form sottostante sarai ricontattato a breve

Newsletter

Resta sempre aggiornato su notizie scientifiche, iniziative e consigli